La masseria fortificata

10.02.2016

Il termine deriva da massa inteso come insieme di fondi o blocco di immobili rurali. Di varie tipologie, le masserie più antiche hanno inglobato al loro interno torri a base quadrata, le quali, situate a poca distanza dalla costa rappresentavano dei veri e propri presidi militari contro l’attacco dei Saraceni. Tale tipologia viene definita masseria fortificata proprio perché caratterizzata, inizialmente, dalla funzione difensiva. Una volta perduto il loro ruolo si sono trasformate in funzione delle diverse attività agricole della zona.

Alcune conservano il loro antico splendore soprattutto nel torrione i cui motivi ornamentali di corona mettono in risalto la struttura.  Le più importanti dispongono di  una cisterna interna per l’approvvigionamento idrico degli abitanti che avevano quindi  possibilità di resistere più a lungo ad eventuali assedi.
Fra le più antiche masserie del territorio di Ugento, se ne trovano alcune costruite intorno al 1200, inizialmente come torri di avvistamento. 

Sparse uniformemente nel territorio Salentino, le masserie fortificate sono delle vere e proprie opere d’arte dal punto di vista architettonico. Il visitatore rimane sbalordito di fronte alla loro bellezza e allo stesso tempo complessità della struttura. Spesso all’interno le stanze sono a volta e a botte e il pavimento in chianche (lastre) di pietra leccese. Alcune dispongono della Pajara, il Trullo Salentino, dove si stagionava il formaggio.

Generalmente all’ingresso si trovava un grande cortile, intorno al quale si sviluppavano diverse strutture come le stalle e i recinti per gli animali.
Simbolo della cultura contadina, nella masseria, fino a non molti anni fa vi vivevano interi nuclei familiari, coltivando i prodotti della terra. Il terreno circostante era adibito ad uliveto, agrumeto e frutteto con una zona dedicata agli orti ed in parte al pascolo degli animali. Tutti indistintamente davano il loro contributo dall’alba al tramonto nei campi, negli ovili e nelle stalle.

Presenti in numero considerevole nel territorio Salentino, oggi le masserie sono in parte abbandonate o riconvertite in splendidi agriturismi, residenze d’epoca e ristoranti, circondate da rigogliosi giardini.
Leggi il programma “Una Masseria nel Salento” su  www.touraround.it